LO SPAZIO DEL CORPO ATTRAVERSO LA MASCHERA NEUTRA
Un percorso teatrale per la promozione della salute
a cura di Giorgio Donati

Mercoledì 1 e giovedì 2 Marzo ore 15,00/19,00 Teatro Boni, Scuola elementare

Breve stage esperienziale di 8 ore sulla gestualità, basato l’utilizzo della Maschera Neutra, strumento didattico di basilare importanza per la formazione dell’attore.

Già usata dai Capocomici della Commedia dell’Arte, non per recitare ma per mettere in evidenza l’espressività del corpo, è stata studiata e sperimentata dal grande Maestro di teatro Jacques Lecoq, che ne ha fatto un punto fondamentale della propria pedagogia.
L’allievo, cancellando qualsiasi espressività dal proprio volto, è costretto a cercare dei movimenti che risultino conformi alla “neutralità” della maschera.
Attraverso il suo utilizzo, egli tenderà a dimenticarsi di sé, della propria personalità, delle ragioni dei propri gesti, dei loro fini e dei sentimenti che li accompagnano, tenderà perciò a mettere da parte quei modelli di comportamento gestuale che, a livello più o meno conscio, sono presenti nella nostra vita di tutti i giorni.

Si studieranno poi, attraverso improvvisazioni corporee, le dinamiche e i ritmi degli elementi naturali (fuoco, acqua, aria, terra), per poi trasporli sui personaggi nelle situazioni teatrali.

Struttura del laboratorio:
- riscaldamento e analisi del movimento con accenni ai metodi
Alexander e Feldenkrais,
- la Maschera Neutra: il risveglio – il percorso,
- gli Elementi: Fuoco - Acqua - Aria - Terra (albero),
- trasposizione degli elementi sui personaggi.

I partecipanti dovranno indossare abiti comodi per il movimento.

Giorgio Donati (Diplomi presso: scuola di Mimo Marie-Luise Anger (allieva di E.Decroux) Berlino, scuola di Mimo e Pantomima di I: Panjatan, Berlino, l’ECOLE INTERNATIONALE DE THEATRE JACQUES LECOQ, Parigi).
Fondatore della Compagnia Teatrale Donati-Olesen (1981) è anche attore e co-autore di tutti gli spettacoli che la Compagnia mette in scena ( “Basta con le Fragole”, “Kamikaze”, ”Zanzare”, “Il Signor Moretti”, “Al Dente”, “Buonanotte Brivido”, “Caro Icaro”,”Tre Uomini In Barca”, “Avanti Marx”, “Barbablues”, “Pompieri”,”Salti mortali”, “Teatro Ridens”e “Aspettando Godot”) invitati in numerosissimi Festivals Nazionali e Internazionali di Teatro in quasi tutti gli Stati Europei, Stati Uniti d’America, Sud America e Africa.
Partecipa a varie trasmissioni televisive e radiofoniche (Buona Domenica (Can.5), Proffimamente...non stop (RAI 1), Jeans (RAI 3), D.O.C. (RAI 2), Maurizio Costanzo Show (Can.5); “Buonasera Brivido”, Audiobox, e “Notturno dall’Italia” (RAI,Radio 1)) e come autore e attore ad una serie in 24 puntate di lezioni di inglese in chiave comica dal titolo “ English per Tutti ” - Circolo delle 12 (RAI 3).
Dal 1981 ad oggi conduce numerosi Ateliers presso compagnie teatrali, scuole, università, centri culturali in Italia e all’estero, Milano, Bologna, Centre Culturel Français - Stato africano del Benin, etc...“Da Chaplin a Lecoq”, Facoltà di Lettere dell’ Univeresità di Siena, “L’odierna Commedia dell’Arte” - Università di Stoccolma, Università di Perugia, Centro Sperimentale per l’Educazione Sanitaria, 2002, 2003 e 2004 docente nel Master in Educazione Sanitaria.
Regista negli spettacoli:“Sei personaggi in cerca d’Autore” di Pirandello del Bricolo Theatre, Orléans, Francia (1999); Povero Silvio” (2004)
di Antonio Cornacchione” Povero Silvio”.

Mercoledì 1 Marzo ore 21,30 Cinema Olympia
Matti da slegare
un film di Silvano Agosti, Marco Bellocchio, Sandro Petraglia, Stefano Rulli

Girato in 16 mm nel manicomio di Colorno e finanziato dalla provincia di Parma, è la riduzione di Nessuno o tutti, film documento in due parti ("Tre storie", "Matti da slegare"). (…) La tesi è racchiusa nel titolo: i malati mentali sono persone "legate" in molti modi e per diverse cause. Se si vuole curarli (non guarirli, ma almeno impedire che vengano guastati dai metodi tradizionali) occorre slegarli, liberarli, reinserirli nella comunità. (…) La finale festa danzante è un grande momento di cinema. Vale anche per la capacità di rivelazione degli esseri umani, capaci per ragioni soltanto in parte spiegabili di diventare personaggi.

Venerdì 3 Marzo ore 21,00 Teatro Boni
Aspettando Godot di Samuel Beckett
con Giorgio Donati, Jacob Olesen, Ted Keijser e Jaon Gunn

Programma

Corso di formazione

Laboratorio e Spettacolo